Sito Ufficiale del Comune di Galliate

Salta ai contenuti
 
Sito Ufficiale del Comune di Galliate
 
Sei in:  Home // Aree Tematiche // Turismo // Cosa vedere // Le Chiese e i Santi // La Chiesa parrocchiale
Galliate da vivere
 
Novembre
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 

La Chiesa parrocchiale

foto chiesa parrocchiale

Verso la fine del Settecento si cominciò ad avvertire la necessità di dotare il paese di una parrocchiale adeguata all'accresciuto numero dei galliatesii.

Dopo alcuni anni di progetti e di dibattiti, il secolo si chiudeva con un nulla di fatto.
Forse era destino che un progettista galliatese avrebbe potuto dare avvio all'opera dopo settanta anni di silenzio.

Don Ercole Marietti, figlio prete del sindaco Marietti, progettò la parrocchiale; egli operò anche a Novara ove progettò le eleganti sovrastrutture in cotto del Collegio Gallarini di cui fu rettore per oltre cinquanta anni.

Il 15 novembre 1850 il Consiglio comunale approvò in via definitiva il progetto firmato da don Marietti, dall'ing. Rivolta e dall'ing. Belletti.
Il giorno 13 ottobre 1851 fu posta la prima pietra.
Il giorno 11 del mese di maggio 1873 venne consacrata dal Vescovo di Novara Mons. Giacomo Filippo Gentile.

Come l'ha definita il Cremona "la parrocchiale appare imponente e maestosa, di stile neo-gotico essa si innalza meravigliosa nel mezzo del pubblico passeggio in piazza Vittorio Veneto. L'interno presenta un colpo d'occhio magnifico per ampiezza d'area,......."

il progetto della Chiesa

La storia del campanile

La costruzione del campanile attuale occupò gli anni dal 1871 al 1880.

foto della Chiesa

Opera del progettista galliatese Rigorini,alla sua presentazione il progetto destò perplessità per le sue forme snelle e per l'arditezza della costruzione di 93 mt di altezza.
All'altezza di 13 metri il campanile restò fino al 1876 anno in cui il Consiglio comunale approvò un sussidio di 5 mila lire.
Si raggiunsero così i 32 metri.
Nel maggio del 1878 con altre 10 mila lire si alzò a m.45.
Per ragioni di spesa si rinunciò alla copertura delle campane e Rigorini progettò un castello in ghisa a sostegno delle stesse. Le campane sarebbero rimaste allo scoperto
"in modo che volendo col tempo continuare la fabbrica collo stesso progetto nulla si dovesse muovere dal posto"..

L'ultimo tentativo per portare a compimento l'opera di Rigorini fu fatto in una seduta consiliare del 1889, ma la proposta di alcuni dei consilieri cadde nel vuoto.
Proprio per la sua incompiutezza il campanile della parrocchiale ha da allora costituito un motivo di curiosità e di attrazione per forestieri e concittadini.

Foto del Campanile e della Chiesa Parrocchiale