Sito Ufficiale del Comune di Galliate

Salta ai contenuti
 
Sito Ufficiale del Comune di Galliate
Sito Ufficiale del Comune di Galliate
 
Sei in:  Home // Servizi on line // Sportello virtuale del cittadino // Certificati e documenti // DENUNCIA DI MORTE - AUTORIZZAZIONE ALLA SEPOLTURA

Scheda informativa

DENUNCIA DI MORTE - AUTORIZZAZIONE ALLA SEPOLTURA

 
Settore: DEMOGRAFICO
Data ultimo aggiornamento: 24/11/2016

Cosa è

E’ la denuncia obbligatoria di morte che deve essere resa entro 24 ore,  all’Ufficio di Stato Civile del Comune dove è avvenuto il decesso.

Per i decessi avvenuti in Ospedale: ai familiari non viene richiesta nessuna formalità;  la comunicazione viene resa direttamente dalla Direzione Sanitaria della struttura ospedaliera;

Per i decessi avvenuti in Casa di Riposo: ai familiari non viene richiesta nessuna formalità; la comunicazione viene resa direttamente dal Responsabile della struttura;

Per i decessi avvenuti in abitazione, la denuncia può essere fatta:

  • da uno dei congiunti;         
  • da una persona incaricata dalla famiglia;     
  • da persona informata del decesso

Contestualmente alla denuncia di morte oppure  successivamente,  viene  richiesta all’Ufficio di Stato Civile del Comune dove è avvenuto il decesso,  l’autorizzazione alla sepoltura. 

Nel caso di morte violenta o accidentale, sarà necessario  presentare all’Ufficio di Stato Civile un nulla osta rilasciato dalla Procura della Repubblica per poter procedere al successivo  rilascio  di autorizzazione seppellimento salma. Le agenzie di imprese funebri funebri, su richiesta della famiglia, possono occuparsi di tutta la procedura.

Ricevuta la documentazione, l’Ufficiale dello Stato Civile provvederà alla stesura dell’atto di morte nonché a rilasciare il permesso di seppellimento, che sarà consegnato direttamente all’Impresa Funebre incaricata delle esequie.

L’impresa Funebre, in caso di trasporto di salma fuori comune, presenterà inoltre  all’Ufficiale dello Stato Civile anche la richiesta di autorizzazione indicando la data e l’ora del trasporto, il cimitero e il comune di seppellimento. L’ufficio di Stato Civile provvederà a rilasciare la relativa autorizzazione.


Dove andare

Allo sportello dello Stato Civile, presso lo sportello Anagrafe Polivalente (piano terra) del Palazzo Comunale, aperto: orario-di-apertura-al-pubblico-degli-Uffici-Comunali


Cosa si deve fare

Se il decesso è avvenuto in abitazione, un familiare o un delegato o altra persona a conoscenza del decesso deve recarsi all’Ufficio di Stato Civile, munito di documento di riconoscimento, e consegnare: 

  • Scheda ISTAT rilasciata dal medico che ha constatato il decesso; 
  • Se il decesso è avvenuto in Ospedale,Casa di Riposo o in una struttura in cui sia presente un Direttore o Capo Convivenza, il Responsabile di struttura  provvederà a dare la comunicazione di decesso,   trasmettendo  all’ufficiale dello Stato Civile comunicazione scritta con nome, cognome, data e luogo di nascita e residenza della persona deceduta, data e ora del decesso.

 

Per il rilascio del permesso di seppellimento occorre:

  • Scheda ISTAT rilasciata dal medico che ha constatato il decesso; 
  • Bollettino/certificato necroscopico rilasciato dal medico legale dell’A.S.L.,  indicante  la causa della morte ed il periodo di osservazione (24 o 48 ore dal decesso), cioè il tempo che si deve attendere prima di  poter procedere alla sepoltura; tale certificato puo’ essere  rilasciato  non prima che siano trascorso 15 ore  dal momento del decesso;       
  • in caso di morte violenta od improvvisa, occorre anche  il Nulla Osta al seppellimento rilasciato dalla competente Procura della Repubblica.

Quanto costa

Nessun costo. Anche il rilascio del permesso di seppellimento è gratuito.


Informazioni

Responsabile del procedimento Dott.ssa Silvia Dalla Piazza (Responsabile del Settore Demografico)
e-mail: anagrafe@comune.galliate.no.it
telefono: 0321/800702-4


Riferimenti normativi

D.P.R. 3/11/2000 n.396; D.P.R. 10/09/1990 n. 285;  D.M. 27/02/2001  in G.U. n. 66 del 20/03/2001 “Tenuta dei registri dello stato civile nella fase antecedente all’entrata in funzione degli archivi informatici.